Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 June;55(3) > Minerva Ginecologica 2003 June;55(3):263-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2003 June;55(3):263-70

lingua: Italiano

Analgesia epidurale in travaglio di parto. Aspetti materni, fetali e neonatali

Soncini E., Grignaffini A., Anfuso S., Cavicchioni O.


PDF  


Obiettivo. La tecnica più efficace per abolire il dolore del travaglio e del parto è l'analgesia epidurale lombare continua. La preoccupazione riguardo ai possibili effetti negativi sui tempi del travaglio e sulle distocie in genere rappresenta uno dei motivi di maggiore ostacolo alla sua diffusione. Scopo dello studio è verificare gli effetti dell'analgesia epidurale lombare continua sui tempi del parto, sullo stato fetale, sull'incidenza di parti distocici e sull'outcome neonatale.
Metodi. Studio prospettico comparativo. I dati relativi al parto di 148 nullipare e 51 pluripare, a termine di gravidanza, sottoposte ad analgesia epidurale presso la Clinica Ostetrica Universitaria di Parma nel biennio 1999-2000, sono stati confrontati con quelli di 144 gravide in travaglio nullipare e 60 pluripare, senza analgesia epidurale, selezionate in modo random sulle 4251 donne che hanno partorito nello stesso periodo. La procedura anestesiologica utilizzata consisteva in una iniezione di ropivacaina 20 mg/10 ml e fentanyl 50 mg nello spazio epidurale, a intervalli di 1-2 ore.
Risultati. La durata del periodo dilatante non era influenzata dalla somministrazione dell'analgesia epidurale, mentre il periodo espulsivo era più lungo in corso di analgesia epidurale. Non vi erano differenze significative fra i 2 gruppi per la modalità del parto, sia riguardo al parto operativo vaginale, sia al numero dei tagli cesarei per distocia. Il profilo cardiotocografico era sovrapponibile nei 2 gruppi. L'outcome neonatale (indice di Apgar a 1' e 5' e trasferimento nel reparto di terapia intensiva) non mostrava differenze significative, confermando l'assenza di effetti collaterali rilevanti anche dal punto di vista neonatale.
Conclusioni. L'impiego di ropivacaina a basse concentrazioni (0,2%) associata al fentanyl nello spazio epidurale si è dimostrata una metodica efficace e sicura per il controllo del dolore del travaglio e del parto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail