Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3) > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):241-52

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):241-52

 REVIEW

Sanguinamento uterino disfunzionale. Terapia medica

Morana B., Zarbo R., Puglisi F., Zarbo G.

Circa un terzo di tutte le consultazioni ginecologiche viene eseguito per un sanguinamento uterino anomalo e tale rapporto sale al 70% nella popolazione delle donne in peri- e postmenopausa. La diagnosi di sanguinamento disfunzionale (DUB), dovuto generalmente alla cronica anovularietà, si pone solo dopo aver escluso con esame obiettivo, ecografia transvaginale, sonoisterografia, isteroscopia ed eventuale biopsia la presenza di patologia organica. I farmaci comunemente impiegati nel DUB sono la metilergometrina, gli antifibrinolitici, i FANS, gli estrogeni, il progesterone ed i suoi derivati, gli estroprogestinici, il danazolo, gli analoghi superagonisti del GnRh.
Seguendo queste semplici linee guida, tutte desunte dalla cosiddetta «Medicina Basata sull'Evidenza», si otterrebbe certamente un'ottimizzazione delle cure mediche per il DUB insieme alla soddisfazione delle pazienti, ma anche una sensibile riduzione dei costi, legata, anzitutto alla diminuzione del numero di interventi di isterectomia.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina