Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3) > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):201-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):201-7

 REVIEW

Low dose hormone replacement therapy: clinical efficacy

Mattsson L. Å., Sporrong T.

La percentuale di pazienti trattate con terapia ormonale sostitutiva è aumentata nel corso degli ultimi 2 decenni. La maggior parte delle donne che assumono la terapia ormonale sostitutiva preferiscono utilizzare formulazioni che non comportano disturbi di tipo emorragico. Pertanto, molte donne preferiscono essere trattate con terapia ormonale sostitutiva continua di tipo combinato al fine di ottenere l'amenorrea. In precedenza, alle donne nel periodo del climaterio venivano prescritte alte dosi di estrogeni e di progestinici. Basse dosi di estrogeni, come 1 mg/die di estradiolo e 0,3 mg/die di estrogeni coniugati di origine equina per via orale, oppure 25 µg di estradiolo applicato per via transdermica per 24 ore, hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento dei sintomi vasomotori e nella prevenzione della perdita di mineralizzazione ossea. Con l'assunzione di terapia ormonale sostitutiva a basse dosi, secondo un regime terapeutico continuo di tipo combinato, sarà possibile ottenere l'amenorrea dopo pochi mesi di trattamento nella maggior parte delle donne. Basse dosi di progestinici, specialmente se somministrati con continuità, hanno dimostrato di proteggere l'endometrio nei confronti dell'iperplasia. Sono stati inoltre riportati effetti benefici per quanto riguarda l'assetto dei lipidi e delle lipoproteine.
Inoltre, nel corso del trattamento con regime terapeutico a basse dosi sono stati osservati alcuni effetti collaterali di tipo minore, come la mastalgia, con frequenza maggiore rispetto ai regimi terapeutici ad alte dosi. Per le donne che necessitano di terapia sostitutiva ormonale, questo approccio terapeutico con formulazioni a basse dosi potrebbe costituire una valida alternativa, dal momento che queste dosi risultano essere sufficienti per la maggior parte delle donne.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina