Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Febbraio;55(1) > Minerva Ginecologica 2003 Febbraio;55(1):77-80

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2003 Febbraio;55(1):77-80

 CASI CLINICI

Linfoma primitivo dell'utero. Caso clinico

De Frenza N., Magni M., Trebbi G.

Il linfoma primitivo dell'utero è un raro tumore ginecologico e nella maggior parte dei casi trattasi di linfoma a cellule B. Riportiamo un caso clinico di una donna di anni 43, asintomatica, giunta alla nostra osservazione, per una dilatazione ureterale da sospetta massa pelvica diagnosticata con una urografia di controllo. I reperti anamnestici, clinici e strumentali preoperatori non hanno posto neppure il sospetto di un linfoma dell'utero evidenziando così la difficoltà se non l'impossibilità di una eventuale prevenzione di questo tumore. La diagnosi di «sospetto linfoma» è stata intraoperatoria al congelatore ma solo nel postoperatorio definitiva. Il trattamento chirurgico è consistito in un debulking della massa con liberazione dell'uretere, successiva apposizione di stent ureterale e sampling linfonodale. La corretta stadiazione del tumore e l'adeguato trattamento chirurgico e medico (non ancora standardizzati) sono, ad oggi, le variabili più significative per la sopravvivenza di queste pazienti.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina