Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2002 August;54(4) > Minerva Ginecologica 2002 August;54(4):293-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2002 August;54(4):293-6

lingua: Italiano

L'indice cefalico fetale come marker biometrico nella individuazione in epoca precoce di gravidanza di feti a rischio di trisomia 21

Guariglia L., Rosati P.


PDF  


Obiettivo. Finalità del presente studio è valutare una possibile utilizzazione in epoche precoci di gravidanza dell'indice cefalico nella individuazione di feti a rischio di trisomia 21.
Metodi. Misurazioni dell'indice cefalico, calcolato quale rapporto tra la misurazione del diametro biparietale e quella del diametro fronto-occipitale, sono state ottenute mediante ecografia transvaginale ad alta risoluzione in 36 feti con trisomia 21 ed i valori ottenuti sono stati confrontati con i dati di normalità per le stesse epoche gestazionali.
Risultati. I valori delle misurazioni dell'indice cefalico sono risultati essere costanti durante tutto il periodo considerato. Le misurazioni ottenute nei feti con trisomia 21 risultano sovapponibili a quelle del gruppo di feti euploidi.
Conclusioni. L'indice cefalico non può essere considerato metodo utile nella individuazione in epoca precoce di gravidanza di feti a rischio di trisomia 21.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail