Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2002 Giugno;54(3) > Minerva Ginecologica 2002 Giugno;54(3):253-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2002 Giugno;54(3):253-62

lingua: Italiano

Miomi uterini e contraccettivi orali a basso dosaggio

Orsini G., Laricchia L., Fanelli M.


PDF  


Obiettivo. Verificare il comportamento dei leiomiomi uterini in donne che facevano uso di contraccettivi orali di ultima generazione.
Metodi. Disegno sperimentale: studio non randomizzato prospettico sugli effetti dei contraccettivi orali di ultima generazione nelle donne con leiomiomi uterini con follow-up di 24 mesi. Ambiente: III Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia dell'Università di Bari. Partecipanti: tra il 1999 e il 2000 sono state arruolate 121 donne asintomatiche con un solo mioma uterino a sviluppo sottosieroso e/o intramurale, di diametro non superiore a 25 mm.
Il campione è stato suddiviso in due gruppi: il gruppo di studio era composto di 53 donne ed è stato trattato con CO di ultima generazione contenenti 20 µg di etinilestradiolo e 150 µg di desogestrel o 20 µg di etinilestradiolo e 75 µg di gestodene, mentre il gruppo di controllo era costituito da 68 donne che non hanno ricevuto alcuna terapia ormonale. Nei due gruppi sono state considerate le dimensioni del mioma uterino (determinate con l'ecografia transvaginale), la durata del flusso mestruale e l'ematocrito, al momento dell'arruolamento, dopo 12 mesi e dopo 24 mesi.
Risultati. Quarantotto (90,6%) delle 53 donne del gruppo di studio hanno assunto regolarmente i CO per due anni; nel gruppo di controllo 60 donne (88,2%) hanno completato lo studio. Nel gruppo trattato, l'uso per 2 anni di CO di ultima generazione non ha modificato in modo significativo il volume dei leiomiomi uterini. Inoltre dopo 24 mesi di assunzione sono risultati significativi la riduzione del flusso mestruale di oltre 2 giorni e l'incremento dei valori dell'ematocrito di 2 punti e mezzo. Nel gruppo di controllo si è riscontrato invece un aumento significativo delle dimensioni dei miomi, un aumento non significativo della durata delle mestruazioni e una riduzione non significativa dell'ematocrito.
Conclusioni. L'uso protratto dei contraccettivi orali di ultima generazione non favorisce la crescita del leiomiomi uterini, riduce in modo significativo la durata delle mestruazioni ed induce, quindi, un significativo aumento dell'ematocrito.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail