Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2) > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):161-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):161-70

lingua: Italiano

Proposta di nuova metodica di neovagina nella sindrome di Rokitansky. Revisione della letteratura ed illustrazione della casistica

Grio R., Ambroggio G. P., D'Addato F., Bello L., Leotta E., Tersiev P., Febo G., Tessarolo M., Lanza A.


PDF  


Obiettivo. L'assenza o l'ipoplasia della vagina è un riscontro frequente nella sindrome di Rokitansky-Mayer-Küster-Hauser.
Metodi. Dal 1982 ad oggi, presso il servizio di Chirurgia Plastica del C.T.O. (Torino) e la II Clinica Ostetrico-Ginecologica dell'Università di Torino sono state trattate 13 pazienti affette dalla sindrome di Rokitansky-Mayer-Küster-Hauser. In questi casi la proposta terapeutica è stata di tipo chirurgico, utilizzando la tecnica di McIndoe da noi modificata.
Risultati. Nella casistica presa in considerazione gli esami citologici del tessuto della neovagina eseguiti a distanza di un anno dall'intervento hanno evidenziato in alcuni casi (8 casi) un quadro di modesta atrofia, non tale tuttavia da condizionare in senso negativo la vita sessuale di queste pazienti. Nel follow-up 2 pazienti si sono perse; 3 pazienti si sono dichiarate «abbastanza soddisfatte» della loro vita sessuale, mentre le rimanenti 8 hanno riferito una normale vita sessuale.
Discussione e conclusioni. Il trattamento di scelta per l'agenesia vaginale completa è la neovagina utilizzante la metodica con innesto cutaneo. Questa tecnica ottiene, specialmente nelle giovani, eccellenti risultati anatomici anche senza una dilatazione regolare o rapporti sessuali frequenti. L'unico svantaggio di questo metodo sta nel fatto che in alcune pazienti la vagina tende a retrarsi, problema in gran parte risolto attraverso le ultime varianti chirurgiche proposte.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail