Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2) > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):145-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):145-50

lingua: Italiano

Terapie ormonali in gravidanza

Tommaselli G. A., Pellicano M., Guida M., Palomba S., Savarese F., Nola B., Ferrara C., Lapadula C., Nappi C.


PDF  


Le endocrinopatie materne possono ripercuotersi sul feto, così come lo stato gravidico può alterare il decorso naturale di una preesistente patologia endocrina materna o addirittura indurne la comparsa. Le terapie effettuate di routine in caso di endocrinopatie non sempre possono essere impiegate con sicurezza in gravidanza, ma bisogna valutare gli effetti che esse hanno sul feto, il grado di passaggio placentare e di potenziali danni fetali che essi possono causare. Bisogna, in definitiva, effettuare un'accurata valutazione del rapporto rischi/benefici della somministrazione di tali terapie alle donne in gravidanza, prendendo soprattutto in considerazione gli eventuali effetti teratogeni dei farmaci utilizzati nel trattamento delle endocrinopatie. In questo articolo verranno trattati l'incidenza delle endocrinopatie in gravidanza, il decorso di tali patologie, gli effetti che esse hanno sulla madre e sul feto e le recenti acquisizioni in tema di terapia in corso di gravidanza. Viene omessa la trattazione del diabete in gravidanza, argomento la cui vastità impedisce di inserirlo in questo contesto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail