Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2) > Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):115-32

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2002 Aprile;54(2):115-32

 REVIEW

Il ruolo degli inibitori dell'aromatasi nel trattamento del tumore della mammella. Valutazione della efficacia clinica e del profilo di tollerabilità

Porpiglia M., Genta F., Vicelli R., De Nicola B., Ferraris F., Piccinno R., Benedetto C.

Le continue acquisizioni sulla patogenesi endocrina e sulla biologia del carcinoma mammario hanno consentito l'evoluzione delle manipolazioni ormonali come opzione terapeutica nelle pazienti affette da questa malattia. Si è così passati da procedure chirurgiche di tipo ablativo all'utilizzo di farmaci dotati di maggiore efficacia clinica e migliore profilo di tollerabilità. Dalla fine degli anni '70 il tamoxifene viene considerato il ''gold standard'' nel trattamento ormonale del carcinoma mammario ormonoresponsivo, ma nuovi e promettenti agenti endocrini vengono attualmente confrontati in studi randomizzati; tra questi gli inibitori dell'aromatasi di ultima generazione sembrano riscuotere maggiore consenso, alla luce dei risultati fino ad oggi pubblicati. Scopo del presente articolo è di passare in rassegna questa nuova categoria di farmaci, illustrandone il razionale d'uso, i risultati ottenuti con il loro utilizzo nel trattamento del carcinoma della mammella ed i principali studi nei quali sono attualmente investigati.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina