Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 Ottobre;53(5) > Minerva Ginecologica 2001 Ottobre;53(5):357-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2001 Ottobre;53(5):357-62

lingua: Italiano

Effetti delle gonadotropine sulla maturità ovocitaria

Tommaselli G. A., Pellicano M., Acunzo G., Ferrara C., Fele A., Di Spiezio Sardo A., Nappi C.


PDF  


L'impiego nella pratica clinica delle gonadotropine, da sole o associate ad altri presidi, hanno fornito ai medici un prezioso strumento per affrontare l'anovularietà. I primi stadi della follicologenesi procedono con estrema lentezza indipendentemente dalla presenza di gonadotropine sino allo stadio preantrale. La fase finale della maturazione follicolare inizia quando i follicoli cominciano a crescere in maniera più rapida nella fase luteinica del ciclo che precede l'ovulazione, la cosiddetta fase di maturazione gonadotropino-dipendente. Recenti studi hanno confermato il ruolo centrale dell'FSH nella maturazione follicolare ed ovocitaria ma hanno anche rivalutato l'azione dell'LH, specialmente nelle prime fasi della crescita follicolare. L'LH induce lo sviluppo fisiologico del follicolo, ma agisce su uno scarso numero di follicoli mentre l'FSH protegge il follicolo dalla atresia, ma lo sviluppo follicolare risulta ritardato. È evidente che sia l'FSH che l'LH siano necessari per uno sviluppo fisiologico, che schemi di stimolazione ovarica possano essere effettuati con il solo FSH ma che l'uso dell'LH li renderebbe maggiormente fisiologici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail