Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 Giugno;53(3) > Minerva Ginecologica 2001 Giugno;53(3):193-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2001 Giugno;53(3):193-8

 REVIEW

Modificazioni dei livelli sierici di leptina in menopausa

Tommaselli G. A., Di Carlo C., Pellicano M., Nasti A., Ferrara C., Di Spiezio Sardo A., Nola B., Nappi C.

Uno dei più importanti progressi nel campo del controllo metabolico del peso corporeo e del trattamento dell'obesità è stata l'identificazione della proteina OB o leptina, che regola il peso corporeo segnalando ai centri cerebrali che regolano l'omeostasi la quantità di massa grassa. Infatti, i livelli della leptina sono direttamente correlati alla massa grassa totale, alla percentuale di massa grassa e all'indice di massa corporea. Questa proteina potrebbe rappresentare il segnale che «indica» lo stato nutrizionale all'asse riproduttivo. Rimane ancora da determinare se questo segnale venga inviato direttamente agli organi riproduttivi o tramite un asse neuroendocrino. È stato riscontrato che i livelli di leptina sono più elevati nelle donne rispetto agli uomini, facendo così ipotizzare un ruolo stimolante degli estrogeni. Per verificare questa ipotesi, molti ricercatori hanno dosato i livelli di leptina nelle donne in menopausa, nelle quali i livelli di estrogeni sono minimi. I risultati di questi studi sono abbastanza contrastanti e scopo di questo articolo è di effettuare una revisione della letteratura riguardante i livelli di leptina in menopausa in rapporto alle modifiche a livello della composizione corporea che si verifica in menopausa.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina