Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 Aprile;53(2) > Minerva Ginecologica 2001 Aprile;53(2):101-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2001 Aprile;53(2):101-6

lingua: Italiano

Il parto nelle gravidanze multiple

Colla F., D'Addato F., Grio R.


PDF  


Obiettivo. La conoscenza della fisionomia clinica della patologia connessa al parto gemellare è indispensabile per ottenere un ulteriore miglioramento della prognosi materna e feto-neonatale. Il nostro studio è un contributo alla soluzione di tale problema.
Metodi. E' stata effettuata una metanalisi dei dati relativi ai parti gemellari verificatisi nella Clinica Ginecologica ed Ostetrica dell'Università degli Studi di Torino Cattedra B nel decennio 1989-1998, prendendo in considerazione al disposizione e la presentazione dei feti, i vari tipi di parto e l'epoca gestazionale in cui si sono verificati, il valore ponderale neonatale dei gemelli, la moralità perinatale e la morbilità materna.
Risultati. Su 11523 parti i gemellari sono stati 194 (1,68%), di cui 190 bigemini e 4 trigemini. I parti prematuri riscontrati sono 154 (79,38%); quelli <32a settimana sono 20 (10,29%). Fra i gemelli esiste una elevata incidenza della presentazione podalica (26,30%) e della presentazione di spalla (5,61%). I nati mediante taglio cesareo sono 202 (51,53%) e per via vaginale 190 (48,47%), di cui 172 (90,52%) spontaneamente. Il parto operativo è un mezzo importante per sottrarre rapidamente i feti da un ambiente patologico. I nati LBW (¾2500 g) sono 262 (66,84%), di questi i VLBW (>1500 g) sono 28 (7,14%). Il tasso di mortalità perinatale rilevato è del 3,82%. Le complicanze materne si manifestano prevalentemente nel secondamento, nell'immediato post partum e in puerperio.
Conclusioni. Riteniamo che una gestione medico-sociale più attenta, una ospedalizzazione preventiva, un riconoscimento precoce del rischio, un continuo monitoraggio per la scelta ottimale del ''timing'' del parto e, infine, un'assistenza medica in travaglio qualificata (ginecologo esperto, personale ostetrico preparato) e completa (anestesista, neonatologo) rappresentino le strategie vincenti nella soluzione dei problemi della gravidanza multipla.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail