Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 February;53(1) > Minerva Ginecologica 2001 February;53(1):71-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Ginecologica 2001 February;53(1):71-6

lingua: Italiano

Nuove metodiche di approccio al parto (Esperienza e risultati dell'insegnamento terorico-pratico)

Surico N., Grimaldi G.


PDF  


Nei programmi di formazione di Clinica Ostetrica Ginecologica e di Diploma Universitario per Ostetrico/a dell'Università «A. Avogadro» del Piemonte Orientale, è stato inserito nel 1995 il corso di Tecniche Integrate Ostetriche Ginecologiche e di Parto Dolce.
Le ragioni di questa novità furono ispirate dall'esigenza di creare un servizio di formazione, sia per i giovani medici, sia per le nuove ostetriche, improntato sulle indicazioni fornite dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in relazione al rispetto dell'evento parto e al recupero di un'assistenza più naturale.
In questo documento gli Autori presentano i risultati ottenuti dopo quattro anni dall'inizio dei corsi. I parametri considerati riguardano gli indici di mortalità neonatale, il numero dei tagli cesarei, lo svolgimento dei parti spontanei, l'incidenza delle episiotomie, il numero di giorni di degenza ed altro.
Questo studio dimostra un miglioramento generale nella qualità dell'assistenza e una riduzione dei costi per il Servizio Sanitario Nazionale. Ciò è stato particolarmente dimostrato considerando il minor numero di giorni di degenza delle puerpere e la riduzione dei parti operativi.
L'analisi dei dati è stata confrontata con quella della Divisione Ospedaliera ­ presso la quale i parti sono assistiti con tecniche tradizionali ­ situata nello stesso Ospedale Maggiore di Novara dove è situato il reparto di Maternità della Clinica Ostetrica e Ginecologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail