Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 February;53(1) > Minerva Ginecologica 2001 February;53(1):57-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2001 February;53(1):57-62

lingua: Italiano

Le classi del dubbio nella citopatologia della cervice uterina (II. AGUS: cellule ghiandolari atipiche di significato indeterminato)

Cenci M., Chieppa A., Vecchione A.


PDF  


L'AGUS (Atypical Glandular Cells of Undetermined Significance: Cellule Ghiandolari Atipiche di Significato Indeterminato), o AGCUS, rappresenta una categoria di refertazione delle alterazioni ghiandolari dubbie o sospette della cervice uterina. Tali lesioni non sono ancora ben conosciute e sufficientemente caratterizzate a causa della scarsa esperienza del citopatologo riguardo alle cellule cilindriche endocervicali. Infatti, solo con l'introduzione del Sistema Bethesda nel 1988, la presenza di cellule cilindriche e/o metaplastiche immature è stata considerata una condizione indispensabile per poter valutare correttamente un preparato citologico cervicale. Le cellule ghiandolari atipiche dovrebbero essere ulteriormente sottoclassificate in base alla loro origine (AGUS endometriale oppure endocervicale). L'AGUS endocervicale andrebbe ulteriormente suddiviso in AGUS probabilmente reattivo oppure probabilmente neoplastico o Adenocarcinoma in situ (AIS). Recentemente è stato proposto di classificare l'AGUS endocervicale come AIS oppure AGUS in cui non si può escludere l'AIS quando non sono presenti tutti i criteri citologici che caratterizzano l'AIS. A volte, però, non è possibile neanche definire l'origine delle cellule ghiandolari atipiche; in questi casi, la diagnosi è quella di AGUS non altrimenti specificato. Il trattamento diagnostico-terapeutico prevede diverse opzioni: ripetizione del Pap-test, colposcopia con eventuale biopsia, curettage endocervicale, curettage endometriale, isteroscopia, tipizzazione viraleŠ, fino alla conizzazione ed all'isterectomia. In conclusione, l'AGUS può anche presentare un follow-up negativo, ma bisogna comunque adottare un opportuno trattamento diagnostico-terapeutico per individuare quelle lesioni ghiandolari o squamose che frequentemente si nascondono dietro questo acronimo ancora così poco conosciuto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail