Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1) > Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1):49-56

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1):49-56

lingua: Italiano

Le classi del dubbio nella citopatologia della cervice uterina (I. ASCUS: cellule squamose atipiche di significato indeterminato)

Cenci M., Chieppa A., Vecchione A.


PDF  


L'ASCUS (Atypical Squamous Cells of Undetermined Significance: Cellule Squamose Atipiche di Significato Indeterminato) è una classe di refertazione delle diagnosi citologiche cervicali. Questa categoria diagnostica è stata introdotta nel 1988 dal Sistema Bethesda e nel corso degli anni è stata ulteriormente definita.
Infatti, dall'iniziale sottoclassificazione in cellule squamose atipiche probabilmente reattive o probabilmente neoplastiche, si è passati a dei sottogruppi più utili per un corretto trattamento diagnostico-terapeutico.
Attualmente, le sottocategorie dell'ASCUS sono: a) con citoplasma tipico delle cellule mature; b) nelle donne in menopausa; c) metaplasia atipica; d) con citoplasma cheratinizzato; e) da difetti di allestimento o da materiale che impedisce un'ottimale valutazione delle cellule squamose atipiche. Il trattamento dell'ASCUS in genere prevede 3 opzioni: 1) ripetizione del Pap test; 2) colposcopia; 3) ripetizione del Pap-test in associazione alla tipizzazione virale. Tali opzioni si possono adottare nell'ASCUS su cellule mature, con citoplasma cheratinizzato oppure nell'ASCUS in menopausa ma solo in donne che utilizzano una terapia estrogenica sostitutiva. Nel caso dell'ASCUS da difetto di allestimento, o da materiale che non permette una completa visualizzazione delle cellule atipiche, occorre ripetere il Pap-test immediatamente (difetti di allestimento), oppure dopo terapia (eccesso di infiammazione).
Nelle donne in menopausa non in trattamento estrogenico, si deve ripetere il Pap-test dopo terapia antidistrofica. Per la metaplasia atipica si richiede un trattamento più aggressivo come la colposcopia con eventuale biopsia. In conclusione, è necessaria una stretta collaborazione tra citopatologo e ginecologo per attuare un corretto approccio diagnostico-terapeutico nella diagnosi di ASCUS.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail