Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1) > Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1):35-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2001 Febbraio;53(1):35-40

lingua: Italiano

La patologia gravidica nelle gravidanze multiple

Colla F., Alba E., Grio R.


PDF  


Obiettivo. Il nostro studio si propone di delineare la fisionomia clinica della patologia gravidica nella gravidanza multipla per contribuire al miglioramento della prognosi materna e feto-neonatale.
Metodi. Abbiamo preso in considerazione i ricoveri ostetrici avvenuti nella Clinica Ginecologica ed Ostetrica dell'Università di Torino, Cattedra «B» nel decennio 1989-1998. Su 17.445 gravidanze ne abbiamo riscontrate 205 multiple (1,17%) di cui 199 bigemine, 5 trigemine e 1 quadrigemina. Le percentuali di incidenza delle varie forme di patologia gravidica vengono confrontate con un gruppo di controllo di 1000 gravidanze singole.
Risultati. Su 205 gravidanze multiple ben 169 (82,43%) hanno presentato complicazioni più o meno gravi di varia natura e variamente associate con un incremento statisticamente significativo (sempre superiore al 50%). Queste sono rappresentate da: parto prematuro (75,12%), PROM (28,29%), minaccia di parto prematuro (14,63%), flebectasie (9,75%), anemia (8,78%), iperemesi del primo trimestre (8,29%), aborto (4,89%), polidramnios (4,39%), infezione delle vie urinarie (1,95%), distacco intempestivo di placenta (1,95%), epatopatie (1,46%), placenta previa (0,97%).
Conclusioni. Il quadro patologico che risulta pertanto dalla nostra indagine può seriamente compromettere la normale evoluzione dello stato gravidico, con gravi ripercussioni materno-feto-neonatali. Tale gravidanza ad alto rischio va quindi inserita in un programma preventivo di assistenza medico-sociale-ambulatoriale e domiciliare per garantire una ospedalizzazione precoce.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail