Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12) > Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12):515-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12):515-20

lingua: Italiano

Ruolo attuale della terapia progestinica nella prevenzione dell'aborto spontaneo e nel trattamento della minaccia d'aborto

Marzetti L., Boni T., Fazzio M., Giobbe M.


PDF  


La terapia progestinica viene spesso utilizzata in clinica allo scopo di prevenire l'aborto spontaneo. In questo articolo gli Autori prendono in rassegna i più significativi studi eseguiti negli ultimi 30 anni riguardo ai benefici ed ai rischi di questo trattamento.
Nessuno degli studi effettuati nell'ultimo ventennio riguardo all'efficacia di questo farmaco come terapia aspecifica della minaccia d'aborto e dell'aborto ricorrente ha dimostrato una minore incidenza di aborti nelle pazienti trattate rispetto a quelle non trattate.
Più controversi, ma sempre insufficienti per incoraggiare l'uso della terapia progestinica, sono i risultati relativi al suo uso in caso di poliabortività da insufficienza luteinica. Affinché si possa giungere a delle conclusioni definitive sull'efficacia di questo trattamento sarà necessario eseguire dei trial prospettici a doppio-cieco controllati e randomizzati che fino ad ora non sono mai stati eseguiti.
Per quanto riguarda i rischi relativi all'utilizzo della terapia progestinica in gravidanza resta ancora aperta la questione relativa ad un eventuale ruolo teratogeno del progesterone stesso che sebbene sia stato ridimensionato non può ancora essere del tutto escluso. È stata evidenziata inoltre anche una maggiore frequenza di problemi respiratori nei nati da madri trattate con progesterone rispetto ai controlli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail