Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12) > Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12):497-502

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2000 Dicembre;52(12):497-502

 ARTICOLI ORIGINALI

Cura della sterilità femminile (Trattamento dell'idrosalpinge)

Calleri L. F., Taccani C., Porcelli A.

Obiettivo. Scopo di questo studio è stato quello di dimostrare come l'esecuzione di salpingectomia laparoscopica a seguito di diagnosi di idrosalpinge possa modificare positivamente il pregnancy rate di pazienti altrimenti infertili, ottenendo, mediante successivi programmi di PMA, un pregnancy rate sovrapponibile a quello ottenibile in condizioni ottimali nei programmi di fecondazione assistita.
Metodi. Sono state valutate 19 donne trattate per infertilità: di queste, 11 sono state sottoposte a meno di tre tentativi di Procreazione Medico Assistita (PMA) e 8 ad un numero uguale o superiore a tre tentativi, per un totale complessivo di 41 cicli di PMA, tutti caratterizzati da esito negativo.
Tutte le 19 pazienti sono state sottoposte a laparoscopia diagnostico-operativa ed in tutti i casi è stata effettuata una salpingectomia a seguito di diagnosi di idrosalpinge.
Risultati. Tutte le pazienti sono state sottoposte a 2 cicli di PMA, effettuati con un intervallo di tempo variabile da 3 a 6 mesi dopo l'intervento laparoscopico, per complessivi 38 cicli.
Sono state sino ad ora ottenute 4 gravidanze (pregnancy rate = 22%), valore sovrapponibile a quello ottenibile in condizioni ottimali nei programmi di fecondazione assistita.
Conclusioni. Un'ampia serie di studi ha dimostrato come in presenza di idrosalpinge il successo delle procedure FIVET diminuisca notevolmente. Sono inoltre numerose le segnalazioni che indicano un peggioramento del quadro di idrosalpinge non trattata in corso di programmi di stimolazione ovarica, o di complicanze relative a cicli FIVET in presenza di idrosalpinge.
Pur basandosi il nostro studio su dati relativi ad un numero ridotto di pazienti, risulta evidente come il trattamento chirurgico della patologia tubarica grave, possa dare ottimi risultati laddove esistano comunque i presupposti per una pratica di PMA sicuramente fallimentare.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina