Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 Settembre;52(9) > Minerva Ginecologica 2000 Settembre;52(9):345-50

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2000 Settembre;52(9):345-50

 REVIEW

Controversie sulla stadiazione del carcinoma microinvasivo della cervice

Di Leo S., Caragliano L., Cassaro N., Meli M. T., Consalvo P., Caschetto S.

Le controversie sull'inquadramento nosografico e sulla stadiazione del carcinoma microinvasivo della cervice alimentano ancora oggi un dibattito, sostenuto principalmente da due correnti di pensiero: una che privilegia il criterio morfovolumetrico e l'altra che pragmaticamente, intendendo superare uno degli obiettivi generali della stadiazione FIGO, affida ad essa un significato di orientamento terapeutico e propone criteri stadiativi che gli oppositori ritengono arbitrari e non soddisfacenti anche ai fini prognostici. Il punto nodale da cui si generano la maggior parte dei dissensi sulla prognosi è la correttezza delle procedure di prelievo bioptico e di processazione del materiale per l'esame istologico. Le regole generali di stadiazione della FIGO pongono a ragione il criterio limitativo che la stadiazione clinica non può essere modificata anche quando i successivi riscontri istologici o chirurgici abbiano dimostrato una estensione di malattia diversa; ma ciò vale per i carcinomi «clinici» per i quali il criterio diagnostico e stadiativo è ancora oggi prevalentemente clinico e con procedure codificate dalla stessa FIGO; ma laddove, come nell'IA, la diagnosi di stadiazione è esclusivamente microscopica, dovrebbero essere date indicazioni precise sulle procedure e la mancata osservanza delle stesse non dovrebbe poter consentire la stadiazione.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina