Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 Giugno;52(6) > Minerva Ginecologica 2000 Giugno;52(6):253-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2000 Giugno;52(6):253-8

 CASI CLINICI

Mola idatiforme con feto coesistente (Aspetti cito-genetici, diagnosi e management)

Pollio F., Daniele F., Micalef R., Citarella F., Desantis B., Ercolano S., Scaramellino M., Catalano D.

La mola idatiforme con feto coesistente è una rara condizione clinica dovuta a due tipi diversi di gravidanza: una è la mola idatiforme parziale, l'altra è una gravidanza gemellare nella quale una mola idatiforme coesiste con un feto ed una placenta normali. In queste due entità genetiche separate, il counseling e la prognosi materno-fetale sono differenti. Noi riportiamo due casi di mola idatiforme con feto coesistente: il primo caso è una mola idatiforme parziale tipicamente triploide, mentre il secondo caso è una mola idatiforme parziale con insolito corredo diploide. Lo studio dell'assetto cromosomico è fondamentale per la valutazione delle potenzialità di sviluppo fetale legate al cariotipo. Si può infatti affermare che la triploidia escluda ogni possibilità di avere un bimbo vivo e non malformato alla nascita mentre, in caso di cariotipo normale, la continuazione della gravidanza può essere realisticamente valutata.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina