Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2) > Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2):41-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2):41-8

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Motivi per un riesame della fisiologia del parto e per un aggiornamento della terminologia ostetrica

Mergoni A.


PDF  


Nel corso della seconda metà del nostro secolo l'ostetricia ha compiuto un progresso rivoluzionario nell'ambito della assistenza, della prevenzione, e della diagnostica tecnologica, ma stranamente ha lasciato in sospeso alcuni problemi dottrinari che hanno una importanza pratica e culturale maggiore di quanto comunemente si creda. Ci si riferisce soprattutto alla fisiologia della meccanica del parto le cui inveterate lacune interpretative, e le gravi inesattezze concettuali, otterrebbero una facile soluzione se fossero affrontate con sufficiente interesse. Si tratta di questioni facilmente risolvibili perché gli aspetti lacunosi o scorretti del tradizionale modello interpretativo della meccanica del parto sono in massima parte soltanto determinati da alcune discordanze con elementari principi della scienza fisica. Quando la meccanica del parto viene ristudiata con l'intendimento di ancorarla in modo rigoroso e confacente ai principi della fisica il tradizionale modello interpretativo, attualmente in auge, viene del tutto invalidato, e sostituito da un altro che presenta alla base del suo determinismo una fenomenologia idrodinamica di grande interesse ostetrico. Gli aspetti vantaggiosi di questa fenomenologia idrodinamica sono rappresentati dalla insorgenza del cosiddetto «torchio pelvico» per il raddoppio delle forze motrici del parto nella fase del disimpegno fetale, dal costante mantenimento degli equilibri delle forze nell'ambiente fetale, dai movimenti di rotazione determinati con modalità autonoma, da un sistema idraulico e muscolare di fissazione dell'utero nella fase del disimpegno fetale, e soprattutto dalla pari interazione del feto nella meccanica della propria nascita.
Logicamente il nuovo schema interpretativo comporta una terminologia ostetrica in parte aggiornata e in parte innovativa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail