Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2) > Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2):5-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2000 January-February;52(1-2):5-10

lingua: Italiano

Stile di vita ed abitudini voluttuarie in gravidanza

Carta G., D'Alfonso A., Iovenitti P., Matteucci M., Mascaretti G., Moscarini M.


PDF  


Obiettivo. È noto che l'elevato consumo di alcol in gravidanza è correlato alla sindrome alcolica fetale e ad altre problematiche perinatali. Meno chiari sono gli effetti legati al bere in quantità moderata e scarsa durante la gravidanza.
Metodi. Questo studio è relativo a 140 gravide: l'età media era di 33,05±5,22, mentre l'età gestazionale media era di 28,56±12,1 settimane (range 5-42). Ad ogni gestante sono state somministrate una scheda anagrafica e psicosociale, una scheda sulle abitudini di vita (CAGE) ed una scheda «Quanto bevi» derivata dal SQQ.
Risultati. Il 22,2% delle donne ha riferito di aver bevuto alcol nel mese precedente all'intervista, tra queste il 15% non aveva modificato la propria abitudine, lo 0,8% ne aveva aumentato l'uso e il 6,4% lo aveva diminuito. La sostanza alcolica più consumata è emerso essere il vino. Una sola donna è risultata positiva al test SQQ, così come una sola gestante è stata positiva al CAGE.
Conclusioni. Il presente studio ha dimostrato una condotta alimentare corretta nella maggior parte dei casi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail