Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 December;51(12) > Minerva Ginecologica 1999 December;51(12):471-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 1999 December;51(12):471-4

lingua: Italiano

Osteoporosi: la Dexa versus la radiografia convenzionale, due metodiche a confronto (Studio preliminare)

Caserta D., Delfini R., Moscarini M.


PDF  


Introduzione. L'osteoporosi è la malattia metabolica più diffusa al mondo, colpisce dal 30 al 40% delle donne e il 13 % degli uomini di razza bianca dopo i 50 anni. Ultimamente la metodica DEXA (Dual Energy Xray Absorptiometry) si è rivelata accurata, precisa, di basso costo, con bassa esposizione alle radiazioni e tempi di esecuzione rapidi.
Metodi. Gli Autori hanno esaminato i risultati ottenuti confrontando 54 esami DEXA con altrettanti esami radiografici convenzionali. Presso la Clinica Ostetrica e Ginecologica dell'Università degli Studi de l'Aquila 54 donne in menopausa sono state sottoposte a mineralometria ossea compiuterizzata (MOC) con apparecchio DEXA EUROMOX TBS versione 2.0, a livello della colonna vertebrale lombare (L1-L5) e femore sinistro. Nella stessa seduta sono state sottoposte a Rx colonna lombare, bacino e femori.
Risultati. Gli Autori hanno riportato la diagnosi di osteoporosi nel 59% delle donne sia nel distretto lombare che femorale con la DEXA, mentre la radiologia convenzionale ha evidenziato osteoporosi nel 33% degli esami della colonna e nel 51% dei femori.
Conclusioni. Si è così evidenziato che la presenza di patologie associate a livello della colonna può comportare un'interferenza nella diagnosi, mentre l'associazione del distretto femorale, meno soggetto a patologie associate comporta una più accurata diagnosi di osteoporosi nei casi dubbi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail