Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11) > Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11):427-36

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11):427-36

lingua: Italiano

Razionalizzazione del follow-up del trattamento ormonale sostitutivo in menopausa

Marchesoni D., Mozzanega B., Dal Pozzo M., Dal Magro L., Andrisani A., Vesnaver S., Andolfi A., Ambrosini A.


PDF  


Obiettivo. Le decisioni riguardanti l'opportunità di iniziare e/o proseguire una terapia ormonale sostitutiva in menopausa dovrebbero originare da una valutazione complessiva dei rischi e dei benefici per la salute conseguenti al trattamento; non meno degna di attenzione dovrebbe essere però anche la valutazione del rapporto costo-beneficio della terapia in termini economici.
In questa ottica e certi della necessità di proteggere la paziente post-menopausale abbiamo valutato la nostra casistica al fine di ottimizzare gli schemi di follow-up, di accesso e mantenimento.
Metodi. Sono stati considerati due gruppi di pazienti: il primo era costituito da 560 donne a noi afferite nel '97 per sintomi climaterici e candidate ad iniziare il trattamento ormonale sostitutivo. Il secondo era costituito da 110 pazienti già in trattamento da 1 a 6 anni. Nel primo gruppo abbiamo valutato quali esami e con quale frequenza ci abbiano indotto ad atteggiamenti attendistici o di controindicazione ad iniziare la terapia, mentre nel secondo abbiamo valutato in base a quali esami, e con quale frequenza abbiamo consigliato di sospendere il trattamento.
Risultati. Dall'analisi dei nostri dati emerge che gli accertamenti ritenuti necessari prima di iniziare un trattamento ormonale sostitutivo siano: esame clinico, mammografia, densitometria ossea, citologia endometriale, profilo glucidico, quadro coagulativo, funzionalità epatica e profilo lipidico. La densitometria ossea sembra essere utile nel follow-up annuale solo nei casi con riscontri patologici iniziali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail