Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11) > Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11):421-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 1999 Novembre;51(11):421-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Effetti della terapia sostitutiva menopausale in donne portatrici di miomi uterini

Orsini G., Pinto V., Di Biase S., D'Altorio C., Lanzilotti G.

Obiettivo. Finalità dello studio è stata confrontare gli effetti di due differenti terapie in donne in post-menopausa, portatrici di leiomiomi uterini.
Metodi. Sono state reclutate 30 donne in menopausa da almeno un anno, portatrici di miomi uterini (sottosierosi e/o intramurali) con diametro massimo <25 mm. Il campione è stato suddiviso in due gruppi di 15 unità. AI primo gruppo è stata somministrata una terapia ormonale transdermica continua con 50 µg di etinilestradiolo combinata con medrossiprogesterone acetato 5 mg/die, mentre il secondo gruppo ha assunto tibolone compresse 2,5 mg/die. Entrambi i gruppi hanno praticato suddetta terapia per un anno senza interruzione. Sono stati controllati i livelli plasmatici di E2, FSH, LH prima e dopo 1 anno dall'inizio della terapia e sono state confrontate le dimensioni dei miomi prima dell'inizio della terapia, dopo 6 mesi e dopo 1 anno, con esame ecografico transvaginale.
Risultati. I risultati ottenuti hanno dimostrato che la terapia transdermica con etinilestradiolo combinata con il medrossiprogesterone ha indotto dopo 1 anno di trattamento un incremento statisticamente significativo delle dimensioni dei miomi. Nello stesso intervallo di tempo la terapia con tibolone non ha modificato in maniera significativa le dimensioni dei miomi.
Conclusioni. Pertanto in presenza di leiomiomi uterini, l'orientamento degli Autori è quello di non consigliare terapia ormonale alle donne asintomatiche, ad esclusione dei casi in cui la densitometria ossea non evidenzi una osteopenia medio-grave. Nelle donne sintomatiche viene consigliata una terapia con tibolone oppure una terapia transdermica combinate in modo ciclico con dosaggi di E2 a partire da 25 µg, previo attento monitoraggio delle dimensioni dei miomi e dell'endometrio, da protrarsi per almeno 5 anni.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina