Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Ottobre;51(10) > Minerva Ginecologica 1999 Ottobre;51(10):385-92

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 1999 Ottobre;51(10):385-92

 ARTICOLI ORIGINALI

Gli antiossidanti (coenzima Q10) nella fisiopatologia materno-fetale

Noia G., Romano D., De Santis M., Cavaliere A. F., Straface G., Alcaino S., Di Domenico M., Petrone A., Caruso A., Mancuso S.

Obiettivo. Il coenzima Q10 (ubidecarenone) è una molecola della famiglia dei torpenoidi localizzata prevalentemente nelle membrane batteriche e mitocondriali, fa parte di uno specifico sistema enzimatico, agisce prevalentemente sul trasporto di elettroni nella catena respiratoria mitocondriale e ha azione antiossidante.
Abbiamo studiato i livelli plasmatici del coenzima Q10 sia sul versante materno che fetale in condizioni fisiologiche ed in alcune patologie.
Metodi. Sul versante materno abbiamo selezionato 48 gravidanze, con 615 prelievi di sangue, divise in 4 gruppi: A: gravidanze fisiologiche; B: aborti spontanei; C: minacce d'aborto; D: minacce d'aborto tardivo e minacce di parto pretermine.
Selezionando poi 61 gravidanze differenti dalle precedenti, abbiamo dosato il CoQ10 su altrettanti prelievi fetali ottenuti mediante cordocentesi. Abbiamo suddiviso una popolazione di controllo da gruppi patologici: IUGR, isoimmunizzazione-Rh (con trasfusione intrautero), idrope fetale non immunologica, malformazione fetale.
Il CoQ10 è stato analizzato in un unico laboratorio mediante HPLC. Le concentrazioni sono state espresse in mg/ml, i dati come media+DS. La statistica è stata eseguita utilizzando un modello di regressione lineare ed il Student «t»-test.
Risultati. Elaborata una curva di normalità del CoQ10 su sangue materno, abbiamo riscontrato bassi valori di coezima in aborti spontanei, nelle minacce d'aborto tardivo e minacce di parto pretermine.
Sul feto, il cut-off per differenziare i valori fetali da quelli dell'adulto è stato da noi individuato nel valore di 0,3 mg/ml, inoltre i valori di CoQ10 sono risultati aumentati solo nei feti con idrope fetale non immune.
Conclusioni. Possiamo quindi affermare che il livello plasmatico materno di CoQ10 può essere assunto come marker di attività contrattile uterina patologica. Nei feti complicati da ipossia ipossica, come nei casi di idrope fetale non immunologica, si ha un incremento significativo dei valori plasmatici di coenzima Q10.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina