Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Settembre;51(9) > Minerva Ginecologica 1999 Settembre;51(9):313-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 1999 Settembre;51(9):313-8

lingua: Italiano

Esame flussimetrico intra-tumorale nel carcinoma endometriale (Correlazione con la stadiazione della malattia)

Vimercati A., Greco P., Melilli G., Pansini M. V., Di Gesù G., Lotesoriere V., Loverro G., Selvaggi L.


PDF  


Obiettivo. Valutazione dell'analisi flussimetrica intratumorale, eseguita mediante esame ecografico color-Doppler transvaginale, in correlazione ai diversi fattori prognostici negativi in pazienti con carcinoma endometriale.
Metodi. Cinquantatré pazienti con carcinoma endometriale, già accertato istologicamente, erano arruolate nello studio prima di essere sottoposte all'intervento chirurgico. Mediante esame ecografico transvaginale con applicazione del color-pulsed-Doppler, venivano valutati gli indici di resistenza dei flussi registrati nello spessore endometriale ed il tipo di densità vascolare, definita ricca se evidenziate 3 o più aree color. Tutti i casi erano stadiati dopo chirurgia e diagnosi istologica, in accordo alla classificazione FIGO. Erano considerati fattori prognostici negativi: lo stadio FIGO (>I), il grading (>1), l'infiltrazione miometriale (>50%), l'infiltrazione degli spazi linfo-vascolari e le metastasi ai linfonodi pelvici. Le analisi statistiche erano eseguite mediante «t» Student e Fisher exact test.
Risultati. I casi erano stadiati secondo la classificazione FIGO in 6 IA, 23 IB, 10 IC, 5 II e 9 III. Sia l'indice di resistenza che la densità vascolare endometriale «ricca» risultavano ben correlati a diversi fattori prognostici esaminati. Negli unici 2 casi (su 27 linfo-adenectomie selettivamente eseguite) in cui i linfonodi risultavano positivi, non si riscontravano correlazioni flussimetriche significative.
Conclusioni. L'esame eco color-Doppler transvaginale nelle pazienti con carcinoma endometriale sembra essere una tecnica promettente nella stadiazione prechirurgica della malattia. L'intensa densità vascolare endometriale più che un basso indice di resistenza è il parametro che, nella nostra esperienza, meglio si correla allo stadio avanzato della malattia. Ulteriori studi con casistiche più ampie e follow-up più lunghi sono necessari per meglio definire il ruolo prognostico dell'esame flussimetrico intratumorale nel carcinoma endometriale, in relazione anche all'outcome della malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail