Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Giugno;51(6) > Minerva Ginecologica 1999 Giugno;51(6):255-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 1999 Giugno;51(6):255-60

 NOTE DI TERAPIA

Terapia adiuvante con un preparato a base di zinco solfato e acido usnico delle lesioni genitali da Human Papilloma Virus (HPV) dopo trattamento chirurgico distruttivo

Scirpa P., Scambia G., Masciullo V., Battaglia F., Foti E., Lopez R., Villa P., Malecore M., Mancuso S.

Obiettivo. Valutare l'efficacia e la tollerabilità di un composto a base di zinco solfato e di acido usnico in ovuli nel trattamento adiuvante dell'infezione genitale da HPV.
Metodi. Sono state incluse nello studio 100 pazienti affette da infezione genitale da HPV diagnosticata presso l'Ambulatorio di Ginecologia del Policlinico Gemelli di Roma nel periodo ottobre 1996-luglio 1998. La diagnosi è stata effettuata seguendo criteri colposcopici e citologici.
Le pazienti sono state suddivise in tre gruppi: A) trattamento con terapia fisica distruttiva (TFD) senza alcun ausilio farmacologico (n=50); B) trattamento con una preparazione di acido usnico e zinco solfato in ovuli [Zeta N- Bergamon (Bergamon-Italia)] alla dose di un ovulo a giorni alterni per 20 giorni effettuato sia prima che dopo la TFD (n=25); C) trattamento in ovuli solo dopo la TFD (n=25). Le pazienti sono state rivalutate nei successivi uno, due, tre e sei mesi dalla TFD. Alla fine del trattamento è stata valutata inoltre la tollerabilità del farmaco. L'analisi statistica è stata eseguita accorpando il gruppo B e C.
Risultati. Ad un mese di distanza dalla TFD le lesioni da HPV sono scomparse nel 93% delle pazienti del gruppo di controllo e nella totalità delle pazienti trattate con acido usnico e zinco solfato. La riepitelizzazione era completa nel 65% delle pazienti che aveva eseguito il trattamento farmacologico e nel 28% delle pazienti trattate con sola TFD (p=0,001). Al controllo a due mesi la riepitelizzazione era del 94% nel gruppo trattato con gli ovuli rispetto al 76% del gruppo di controllo (p=0,06). Il gruppo di 25 pazienti pretrattate ha mostrato una riduzione della superficie delle lesioni nell'88% dei casi.
La valutazione della recidiva a tre mesi ha mostrato un'incidenza del 20% nelle pazienti del gruppo di controllo rispetto al 7% delle pazienti del gruppo in terapia con acido usnico e zinco solfato (p=0,01). A distanza di sei mesi dalla TFD i dati di follow-up mostrano un'incidenza di recidiva del 46% nelle pazienti del gruppo di controllo rispetto al 18% delle pazienti trattate (p=0,005).
Conclusioni. Il trattamento adiuvante con acido usnico e zinco solfato ha consentito di ottenere un miglioramento nel trattamento dell'infezione da HPV sia in termini di riepitelizzazione dopo TFD, sia per la prevenzione delle recidive, con pochi effetti collaterali, bassi costi e con un'ottima compliance.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina