Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 June;51(6) > Minerva Ginecologica 1999 June;51(6):213-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 1999 June;51(6):213-8

lingua: Italiano

Malformazione adenomatoide cistica del polmone in epoca fetale (Diagnosi ecografica e counseling)

Teodoro A., Lamberti A., Liguori M., Tartaglione A., Tremolaterra F., Paladini D.


PDF  


Obiettivo. Riportare l'esperienza del centro di diagnosi prenatale dell'Università Federico II di Napoli sulla identificazione della malformazione adenomatoide cistica del polmone (CAML) ed effettuare una metanalisi della letteratura.
Metodi. Nel periodo 1994-1997 sono stati diagnosticati presso la nostra unità 10 casi di CAML. Di tale lesione sono stati presi in considerazione: dimensione delle cisti (secondo Stocker), lateralità, presenza di spostamento mediastinico, eventuale idrope. Per conferma diagnostica sono stati utilizzati i referti autoptici e le cartelle cliniche post natali.
Risultati. Dei 10 casi di CAML, 3 erano di tipo I, 3 di tipo II e 4 di tipo 3 secondo Stocker.
Spostamento mediastinico era presente in 7 casi, in due era associata idrope ed in uno era presente agenesia renale bilaterale. In 7 casi, inclusi questi ultimi tre, è stata effettuata una interruzione di gravidanza; due casi sono attualmente vivi dopo exeresi chirurgica neonatale della lesione, mentre l'ultimo caso è attualmente alla 36a settimana di gestazione. La diagnosi differenziale ecografica con le altre lesioni cistiche o solide toraciche non ha posto problemi particolari.
Conclusioni. Da un confronto con la letteratura, si conferma che fattore prognosticamente sfavorevole è l'idrope, ma non la dislocazione mediastinica. Purtrop-po, il tasso di interruzione della gravidanza è stato del 70%, compresi 4 casi a prognosi favorevole. Tale dato sottolinea in modo eclatante la necessità di un corretto counseling prenatale multidisciplinare che coinvolga il chirurgo pediatra e lo psicologo nello sforzo di aiutare la coppia nella decisione finale, favorendo il superamento del carico di stress legato alla comunicazione della presenza della lesione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail