Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 Gennaio-Febbraio;51(1-2) > Minerva Ginecologica 1999 Gennaio-Febbraio;51(1-2):31-4

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ginecologica 1999 Gennaio-Febbraio;51(1-2):31-4

lingua: Inglese

Acute pancreatitis and deep vein thrombosis associated with HELLP syndrome

Paternoster D. M., Rodi J., Santarossa C., Vanin M., Simioni P., Girolami A.


PDF  ESTRATTI


La HS è sicuramente, fra le EPH-gestosi, la forma a più elevato rischio di complicanze a carico della coa-gulazione ed è caratterizzata da una coagulazione intravascolare cronica sub-clinica. Anche se la patogenesi della HS è tuttora poco conosciuta, un ruolo fondamentale sembra essere svolto da uno squilibrio tra prostacicline e trombossano. Nella continua ricerca di nuovi fattori patogenetici che possano spiegare lo stato di ipercoagulabilità di questa sindrome, è stato recentemente studiato il Fattore V Leiden, la cui mutazione genetica comporta una resistenza all'azione della proteina C attivata e quindi uno stato di ipercoagulabilità. Il caso clinico descritto, riguarda una primigravida che ha sviluppato alla 29a SG una HS complicata da pancreatite acuta e da trombosi della cava inferiore. Tali infrequenti complicanze sono probabilmente imputabili ad un quadro di ischemia splancnica e di alterazioni endoteliali microvascolari associate alla mutazione genetica del Fattore V Leiden.
La profilassi antitrombotica è mandatoria per evitare o ridurre le gravi complicanze che possono condurre fino alla MOF in tutti i casi di HS associati a mutazione genetica del Fattore V Leiden.

inizio pagina