Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 1999 January-February;51(1-2) > Minerva Ginecologica 1999 January-February;51(1-2):7-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 1999 January-February;51(1-2):7-14

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Accertamenti per l’infezione da HIV nelle donne in gravidanza nei centri ostetrici italiani

D’Ubaldo C., Vucetich A., Pardi G., Ippolito G., Puro V


PDF  


Obiettivo. Analizzare le procedure di richiesta di accertamenti per l'infezione da HIV nelle donne in gravidanza nei centri ostetrici italiani.
Metodi. Disegno sperimentale: studio trasversale.
Ambiente e Partecipanti: centri di ostetricia pubblici e privati. Interventi: invio nel novembre 1996 di un questionario ad hoc predisposto. Rilevamenti: direttive e modalità di prescrizione del test anti-HIV «per gravidanza».
Risultati. Il questionario è stato riconsegnato da 213 centri (25%), per un totale di 167.927 parti/anno (30% del totale nazionale). Il 45% dei centri possiede direttive sull'esecuzione del test anti-HIV «per la gravidanza». La presenza di direttive è risultata associata all'aver prestato assistenza a donne con infezione da HIV. Il test è offerto a tutte le donne nell'89% dei casi (insieme agli altri esami prenatali nel 67%), in occasione della prime visita nel 78% dei centri, con possibilità di rifiuto (57,5%) piuttosto che espressione esplicita del consenso (10,5%). Il test viene offerto routinariamente al partner nel 7,5% dei centri. Il 47% dei centri che hanno osservato gestanti con infezione da HIV dichiara di non avere a disposizione la zidovudina per la prevenzione della trasmissione materno-fetale del virus.
Conclusioni. L'accertamento dell'infezione da HIV sembra essere entrato nella routine della gestione della gravidanza nei centri ostetrici italiani. Le modalità di offerta del test risultano diversificate e non sempre appropriate, mentre la disponibilità delle misure di prevenzione della trasmissione verticale dell'infezione sembra essere inadeguata. Al fine di ampliare e uniformare l'offerta del test «per gravidanza» a tutte le donne e di ottimizzare la gestione di quelle infette appare necessario emanare e diffondere specifiche linee-guida.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail