Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2014 Marzo;39(1) > Minerva Endocrinologica 2014 Marzo;39(1):1-12

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  IPONATRIEMIA


Minerva Endocrinologica 2014 Marzo;39(1):1-12

lingua: Inglese

Iponatriemia farmaco-indotta: una review aggiornata

Ramos-Levi A. M. 1, Duran Rodriguez-Hervada A. 2, Mendez-Bailon M. 3, Marco-Martinez J. 3

1 Department of Endocrinology and Nutrition Princesa University Hospital IIS Princesa, Madrid, Spain;
2 Department of Endocrinology and Nutrition San Carlos Clinical Hospital IdISSC, Madrid, Spain;
3 Department of Internal Medicine San Carlos Clinical Hospital IdISSC, Madrid, Spain


PDF  ESTRATTI


L’iponatriemia, definita come concentrazioni sieriche di sodio < 135 mmol/l, è il disturbo elettrolitico più frequente osservato sia nei pazienti ospedalizzati sia in quelli ambulatoriali, ed è stata associata a notevoli conseguenze negative in relazione a morbilità e mortalità. L’iponatriemia farmaco-indotta è stata ampiamente osservata. Tuttavia, poiché può essere clinicamente sintomatica o asintomatica, essa è spesso una condizione sottodiagnosticata. Obiettivo della presente review è stato quello di evidenziare i principali farmaci coinvolti nella fisiopatologia dell’iponatriemia, i quali dovrebbero essere presi in considerazione nella diagnosi differenziale quando si gestisce un paziente affetto da iponatriemia. Discutiamo del loro impatto e della relativa importanza. Al fine di prevenire le conseguenze negative indesiderate enfatizziamo anche il bisogno di consapevolezza di questo effetto indesiderato clinicamente rilevante, e suggeriamo in che modo affrontare la gestione clinica dei pazienti.

inizio pagina