Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2013 Settembre;38(3) > Minerva Endocrinologica 2013 Settembre;38(3):289-95

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0391-1977

Online ISSN 1827-1634

 

Minerva Endocrinologica 2013 Settembre;38(3):289-95

 ARTICOLI ORIGINALI

Uno studio comparativo sugli effetti del diabete di tipo I e di tipo II sul deficit di memoria e apprendimento e sulla perdita neuronale nell’ippocampo murino

Rostami S., Momeni Z., Behnam-Rassouli M., Rooholamin S.

Department of Biology, Faculty of Sciences, Ferdowsi University of Mashhad, Mashhad, Iran

Obiettivo. Oltre alla riduzione di memoria e apprendimento, il diabete può anche causare una perdita neuronale in diverse aree del cervello, soprattutto nell’ippocampo. A tal proposito, il presente studio è stato condotto per studiare gli effetti del diabete di tipo I (DT1) e di tipo II (DT2) sulla funzione cognitiva e sulla densità neuronale nell’ippocampo murino.
Metodi. Ratti Wistar di sesso maschile (N.=6) sono stati allocati in un gruppo di controllo, in un gruppo con DT1 e in un gruppo con DT2. Il DT1 è stato indotto da un’iniezione di 60 mg/kg peso corporeo di STZ mentre il DT2 è stato indotto da una soluzione al 10% di fruttosio in acqua potabile. Due mesi dopo l’induzione di entrambi i tipi di diabete, le abilità di apprendimento e la ritenzione mnemonica degli animali sono state misurate utilizzando il labirinto acquatico di Morris (Morris water maze) e la gabbia di condizionamento (shuttle box). Tutti gli animali sono stati successivamente perfusi e i loro cervelli sono stati lavorati per l’analisi stereologica della densità neuronale nell’ippocampo.
Risultati. Parallelamente alla significativa riduzione nei punteggi di apprendimento e memoria, il gruppo con DT1 ha dimostrato una significativa riduzione della densità neuronale nell’ippocampo rispetto al gruppo di controllo. Nel gruppo con DT2, le riduzioni dei punteggi cognitivi e la densità neuronale nell’ippocampo non erano significative rispetto al gruppo di controllo e al gruppo con DT1.
Conclusioni. Sebbene entrambi i tipi di diabete conducano alla perdita neuronale e alla compromissione di memoria e apprendimento spaziale, tali anomalie erano maggiormente evidenti nel gruppo con DT1, mentre sono probabilmente dipendenti dalla durata e correlate all’età nel gruppo con DT2.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina