Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2013 September;38(3) > Minerva Endocrinologica 2013 September;38(3):281-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2013 September;38(3):281-7

lingua: Inglese

Gestione non chirurgica dell’ascesso tiroideo mediante applicazione ecoguidata di un antibiotico con ago sottile e successiva sclerotizzazione con alcol puro

Halenka M.

Third Department of Internal Medicine, Division of Endocrinology, University Hospital and Faculty of Medicine and Dentistry, Palacky Universit, Olomouc, Czech Republic


PDF  


L‘ascesso tiroideo è una condizione relativamente rara ma drammatica della ghiandola tiroidea che richiede un immediato intervento terapeutico. Generalmente, sono stati utilizzati approcci chirurgici più o meno aggressivi e la somministrazione di antibiotici ad ampio spettro. In presenza di una condizione clinicamente meno grave è possibile anche effettuare un trattamento non chirurgico. La presente segnalazione di un caso descrive l’efficace trattamento di un grande ascesso di origine iatrogena in seguito a biopsia della cavità cistica. Un‘associazione di antibiotici ad ampio spettro è stata utilizzata sulla base dei risultati della coltura, somministrata sia oralmente che mediante applicazione ripetuta direttamente nella cavità dell‘ascesso utilizzando un approccio eco-guidato con ago sottile. La concomitante evacuazione ripetuta della cavità ha sostituito il drenaggio. Infine, una piccola cavità residua con contenuti sterili è stata gestita mediante la sclerotizzazione con alcol puro. Se la condizione clinica lo consente, l‘ascesso tiroideo può essere trattato efficacemente mediante l‘applicazione ripetuta di una terapia antibiotica mirata, utilizzando un ago sottile ecoguidato direttamente nella cavità dell‘ascesso, con evacuazione ripetuta e sostitutiva del drenaggio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

milan.halenka@fnol.cz