Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2013 Giugno;38(2) > Minerva Endocrinologica 2013 Giugno;38(2):165-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  NUOVE TECNOLOGIE NEL TRATTAMENTO DEL DIABETE


Minerva Endocrinologica 2013 Giugno;38(2):165-72

lingua: Inglese

Nuove tecnologie per il trattamento dell’obesità

Bermudez D. M. 1, 2, Pories W. J. 3

1 East Carolina University, Greenville, NC, USA;
2 Vidant Medical Center, Greenville, USA;
3 Brody School of Medicine, East Carolina University, Greenville, NC, USA


PDF  


L’obesità è divenuta un’epidemia nazionale e una malattia di portata globale. Il numero di pazienti obesi è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi 10 anni al punto che i Centers for Disease Control and Prevention segnalano che un terzo della popolazione statunitense è obesa. Nello stesso intervallo di tempo la prevalenza del diabete è cresciuta più del 50%. Purtroppo, le terapie tradizionali basate su dieta, esercizio fisico, modifiche del comportamento e medicinali hanno avuto uno scarso effetto, soprattutto nelle persone gravemente obese. L’introduzione della chirurgia bariatrica ha modificato l’evoluzione clinica dei super-obesi. Gli approcci chirurgici forniscono al giorno d’oggi il trattamento più efficace dell’obesità ma presentano possibili rischi. Solo l’1% dei pazienti che si stima possano trarre beneficio dalla chirurgia bariatrica si è sottoposto alla procedura. Il fiorente settore della terapia endoluminale ci consente oggigiorno di prendere in considerazione procedure ancora meno invasive per raggiungere una più ampia popolazione di pazienti. Il presente articolo passa in rassegna i progressi più recenti nelle tecnologie innovative per trattare il crescente numero di pazienti obesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

Pories@aol.com