Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2013 March;38(1) > Minerva Endocrinologica 2013 March;38(1):59-76

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,383


eTOC

 

  ENDOCRINOLOGIA CLINICA


Minerva Endocrinologica 2013 March;38(1):59-76

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il sovrappeso nella sindrome dell’ovaio policistico - Un aggiornamento dei consigli basati sull’evidenza in merito a dieta, esercizio fisico e uso di metformina per la perdita ponderale

Ravn P. 1, Haugen A. G. 1, Glintborg D. 2

1 Department of Gynecology and Obstetrics, Odense University Hospital, Odense, Denmark; 2 Department of Endocrinology, Odense University Hospital, Odense, Denmark


PDF  


Obiettivo. La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è la malattia endocrina più comune che colpisce il 5-10% delle donne in pre-menopausa. Quasi il 50% è in sovrappeso o obeso, il che comporta un fenotipo più grave di PCOS. Pertanto, la perdita ponderale è considerata il trattamento di prima linea nelle donne in sovrappeso affette da PCOS. Lo scopo di questo studio era la definizione di consigli basati sull’evidenza e clinicamente applicabili per la perdita ponderale nelle donne in sovrappeso con sindrome dell’ovaio policistico.
Metodi. Un riesame della letteratura esistente in materia di perdita ponderale attraverso la modifica dello stile di vita e/o il trattamento con metformina nelle donne in sovrappeso affette da PCOS. L’outcome primario era la perdita di peso. Le manifestazioni cliniche di iperandrogenismo e ciclicità mestruale erano risultati secondari. I parametri metabolici non sono stati inclusi nel presente riesame.
Risultati. La perdita ponderale si raggiunge più efficacemente attraverso una dieta di 12-1500 kcal/giorno, che si traduce in una perdita di peso clinicamente rilevante. Il tipo di dieta non ha alcuna incidenza sul grado di perdita ponderale. L’attività fisica non ha alcun effetto significativo aggiuntivo sulla perdita ponderale. La metformina in combinazione con una dieta a basso contenuto calorico ha un effetto aggiuntivo lieve sulla perdita ponderale e sul livello di androgeni, rispetto alla sola dieta.
Conclusione. La perdita ponderale attraverso cambiamenti dello stile di vita, preferibilmente una dieta a basso contenuto calorico, dovrebbe essere il trattamento di prima linea nelle donne in sovrappeso/obese con sindrome dell’ovaio policistico. La metformina può essere considerata come un trattamento ulteriore, ma esercita un effetto aggiuntivo lieve.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

pernille.ravn@ouh.regionsyddanmark.dk