Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2012 December;37(4) > Minerva Endocrinologica 2012 December;37(4):305-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  MALATTIE DELLA TIROIDE: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Endocrinologica 2012 December;37(4):305-14

lingua: Inglese

Gli androgeni e le ossa

De Oliveira D. H. A. 1, Fighera T. M. 1, Bianchet L. C. 1, Kulak C. A. M. 1, 2, Kulak J. 1, 3

1 Endocrinology Division of Hospital de Clinicas, Federal University of Parana (SEMPR), Curitiba, Brazil;
2 Department of Internal Medicine, Federal University of Parana, Curitiba, Brazil;
3 Department of Obstetrics and Gynecology, Federal University of Parana, Curitiba, Brazil


PDF  


Il testosterone è il principale steroide sessuale gonadico prodotto dai testicoli maschili. Gli androgeni inducono la differenziazione sessuale maschile prima della nascita e la maturazione sessuale durante la pubertà; negli uomini adulti, mantengono la funzione del sistema genitale maschile, inclusa la spermatogenesi. Il testosterone viene prodotto anche in piccole quantità dalle ovaie femminili. Le ghiandole surrenali producono androgeni più deboli, deidroepiandrosterone, deidroepiandrosterone solfato e androstenedione. Siccome il testosterone può essere metabolizzato in estradiolo dall’enzima aromatasi, esiste un dibattito controverso su quale steroide sessuale gonadico abbia il maggiore effetto scheletrico. A questo riguardo, si va ampliando l’evidenza che almeno parte degli effetti degli androgeni negli uomini possa essere spiegata dalla loro aromatizzazione in estrogeni. L’evidenza attuale suggerisce che l’estradiolo svolga un ruolo più importante nel mantenimento della salute scheletrica rispetto al testosterone, ma che gli androgeni abbiano anche effetti benefici diretti sulle ossa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jkulak@ufpr.br