Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2012 Dicembre;37(4) > Minerva Endocrinologica 2012 Dicembre;37(4):291-303

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

  MALATTIE DELLA TIROIDE: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Endocrinologica 2012 Dicembre;37(4):291-303

lingua: Inglese

I recettori ormonali tiroidei nella salute e nelle malattie

Boelen A., Kwakkel J., Fliers E.

Department of Endocrinology, Academic Medical Centre, University of Amsterdam, Amsterdam, The Netherlands


PDF  


Per tutta la vita, gli ormoni tiroidei (TH) svolgono un ruolo fondamentale nell’omeostasi energetica. La produzione di ormoni tiroidei e la secrezione da parte della tiroide è regolata tramite l’asse ipotalamo-ipofisi-tiroide (HPT). L’ormone tiroideo deve essere trasportato nella cellula, dove può legarsi al rispettivo recettore (TR) nel nucleo, in modo da esercitare il suo effetto sulla trascrizione genica cellulare. Sono state descritte le mutazioni dei due geni THRA e THRB, dove ciascuna induce un fenotipo caratteristico, che mostra chiaramente l’effetto selettivo di un eccesso o di una carenza di ormone tiroideo in specifici organi regolati da TRα e TRβ. Durante diverse malattie non tiroidee, si verificano profondi cambiamenti nel metabolismo degli ormoni tiroidei, ciascuna associata con l’espressione TR ridotta in maniera tessuto-specifica. Tuttavia, l’azione dell’ormone tiroideo a livello tessutale durante la malattia non è un semplice riflesso del grado di espressione TR, poiché la malattia ha effetti differenziali aggiuntivi sulla disponibilità locale dell’ormone tiroideo nei vari organi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

a.boelen@amc.uva.nl