Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2012 March;37(1) > Minerva Endocrinologica 2012 March;37(1):9-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,383


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2012 March;37(1):9-23

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento con mititane nel carcinoma corticosurrenalico: una panoramica

De Francia S. 1, Ardito A. 2, Daffara F. 2, Zaggia B. 2, Germano A. 2, Berruti A. 3, Di Carlo F. 1

1 Unit of Clinical Pharmacology, Department of Clinical and Biological Sciences, S. Luigi Hospital, University of Turin, Italy; 2 Internal Medicine, Department of Clinical and Biological Sciences, S. Luigi Hospital, University of Turin, Italy; 3 Medical Oncology, Department of Clinical and Biological Sciences,S. Luigi Hospital, University of Turin, Italy


PDF  


il carcinoma corticosurrenalico (CCS) è una neoplasia endocrina rara altamente aggressiva, caratterizzata da prognosi spesso sfavorevole e da una sopravvivenza inferiore a 5 anni nel 50% dei casi. Spesso evidenziato per via incidentale, la diagnosi di CCS viene effettuata nella maggior parte dei pazienti ad uno stadio avanzato di malattia, quando già, cioè, può presentarsi un›ampia invasione del tumore primario negli organi adiacenti. La rimozione chirurgica completa della neoplasia è, oggi, il trattamento di prima scelta per il CCS: margini di resezione liberi da malattia, infatti, hanno un forte valore predittivo di migliore sopravvivenza a lungo termine. La maggior parte dei pazienti sottoposti ad intervento, tuttavia, è destinata a recidivare, evidenza che induce all›impiego di una terapia farmacologica. Il farmaco d›elezione nel trattamento del CCS, è il mitotane (o,p›-DDD), farmaco con azione adrenolitica, associato o meno ad altri chemioterapici. Tale terapia è indicata nei pazienti con malattia inoperabile e, sebbene l›evidenza clinica ancora non esista, anche post-intervento con intento adiuvante. Sebbene tale farmaco sia impiegato da anni, la rarità della patologia e la tossicità del mitotane hanno precluso l›organizzazione di trials clinici di tipo randomizzato. Il ruolo del mitotane nel trattamento dei pazienti affetti da CCS, resta ad oggi, ancora, su più fronti, non completamente chiarito.
Obiettivo di tale articolo, dunque, è di rivedere le conoscenze attuali sul mitotane sia somministrato in pazienti con malattia inoperabile sia somministrato con intento adiuvante in fase post-operatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

silvia.defrancia@unito.it