Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2011 June;36(2) > Minerva Endocrinologica 2011 June;36(2):99-105

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2011 June;36(2):99-105

lingua: Inglese

Iperglicemia da stress nei bambini febbrili: relazione con il prediabete

Saz E. U. 1, Ozen S. 2, Simsek Goksen D. 2, Darcan S. 2

1 Department of Pediatric Emergency Medicine, Ege University School of Medicine, Bornova, Izmir, Turkey;
2 Department of Pediatric Endocrinology, Ege University School of Medicine, Bornova, Izmir, Turkey


PDF  


Obiettivo. La finalità dello studio era di descrivere le caratteristiche cliniche e gli esiti a breve termine nei neonati e nei bambini febbrili con iperglicemia da stress (SH) e di valutare la relazione tra l’SH e il prediabete.
Metodi. I neonati e nei bambini febbrili, con febbre ascellare ≥37,3 °C, che si sono presentati al dipartimento di emergenza sono stati arruolati nello studio. Sono stati registrai i dati demografici , la gravità della malattia, i risultati dei test diagnostici. I pazienti sono stati sottoposti a screening per l’iperglicemia, definita da una glicemia capillare >7,7 mmol/l, utilizzando un glucometro portatile e iperglicemia e l’iperglicemia è stata confermata dal dosaggio in laboratorio del glucosio nel sangue venoso. I pazienti sono stati classificati secondo la gravità della malattia, utilizzando l’Indice di Severità d’Emergenza (ESI). I pazienti con SH sono stati inoltre valutati in base ai marcatori biochimici per lo screening del prediabete. Una settimana dopo la visita al dipartimento di emergenza nei pazienti con SH confermata è stati effettuati il test orale di tolleranza al glucosio e i marcatori immunologici per il diabete
Risultati. Centottantacinque bambini (61% maschi) con età media di 4,46±4,08 anni sono stati ricoverati. I bambini normoglicemici (N.=163) costituivano il gruppo 1 mentre i bambini con SH (N.=22) costituivano il gruppo 2. I bambini con gravità della malattia alta, di genere maschile, con sepsi e infezione del sistema nervoso centrale (SNC) erano più soggetti ad avere SH. Tutti i bambini con SH hanno avuto un recupero tranquillo, il metabolismo del glucosio e i marcatori biochimici erano nella norma e il 50% è stato indirizzato all’ospedale.
Conclusioni. L’SH si presenta più frequentemente nei bambini con gravità della malattia alta, con febbre >39 °C e sepsi o infezione dell’SNC. In seguito alla risoluzione della malattia acuta, non c’è stata, nel follow-up, evidenza di metabolismo glucolico anormale o di elevati marcatori biochimici per il diabete .

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

samimozen@gmail.com