Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2010 December;35(4) > Minerva Endocrinologica 2010 December;35(4):247-57

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  NOVITA’ IN PATOLOGIA OVARICA


Minerva Endocrinologica 2010 December;35(4):247-57

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Tecnologia di riproduzione assistita e cancro dell’ovaio

Devesa M., Barri P. N., Coroleu B.

Service of Reproductive Medicine, Department of Obstetrics, Gynecology and Reproduction, Dexeus University Institute, Barcelona, Spain


PDF  


Tra tutti i tumori ginecologici, il cancro dell’ovaio è quello con la più alta mortalità; i suoi più importanti fattori protettivi sono la pluriparità e l’uso di contraccettivi orali. Come è stato riportato da alcuni studi, secondo le teorie dell’“ovulazione incessante” e dell’“aumento dei livelli di gonadotropine”, i farmaci per la fertilità potrebbero associarsi allo sviluppo di cancro dell’ovaio. Tuttavia, l’infertilità e la nulliparità potrebbero rappresentare fattori confondenti, e la maggior parte degli studi condotti sull’argomento sono gravati da limiti metodologici. Sembra che l’infertilità femminile possa essere associata ad un modesto aumento del rischio di cancro dell’ovaio nelle pazienti che restano nulligravide nonostante lunghi periodi di rapporti sessuali non protetti. Complessivamente, la maggior parte degli studi sono rassicuranti nel senso che non evidenziano un legame tra uso di farmaci per la fertilità e aumento del rischio di cancro dell’ovaio. Ciononostante, è opportuno condurre ulteriori ricerche in studi concepiti correttamente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail