Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3) > Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3):263-71

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  IL DIABETE: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3):263-71

lingua: Inglese

Ruolo della medicina nucleare nella valutazione dell’elettrofisiologia in cuori diabetici, in modo particolare mediante la SPECT con 123I-MIBG

Flotats A., Carrió I.

Department of Nuclear Medicine, Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, Universitat Autònoma de Barcelona, Barcelona, Spain


PDF  ESTRATTI


Il diabete mellito rappresenta un fattore di rischio per la morbidità e mortalità cardiovascolari. La neuropatia diabetica cardiaca autonomica (CADN – Cardiac Autonomic Diabetic Neuropathy) rappresenta una complicazione comune e grave del diabete mellito, che consiste in un danno delle fibre nervose autonomiche che innervano il cuore ed i vasi sanguigni, e che determina delle alterazioni nel controllo della frequenza cardiaca e nella dinamica vascolare associati a manifestazioni cliniche disabilitanti ed aumentata mortalità ed incidenza sia dell’ischemia miocardica silente sia dell’infarto del miocardio. Una valutazione in vivo non invasiva, con radionuclidi, dell’innervazione simpatica del cuore è possibile con l’utilizzo di analoghi radiomarcati della norepinefrina, che sono attivamente incorporati dalle fibre nervose simpatiche postganglioniche presinaptiche del cuore. L’analogo delle catecolamine 123I-metaiodobenzilguanidina (123I-MIBG) rappresenta il tracciante più comunemente utilizzato per la tomografia dell’innervazione simpatica presinaptica miocardica, sulla base di un’ampia evidenza clinica. La tomografia con 123I-MIBG fornisce informazioni riguardo agli effetti del diabete sull’integrità del sistema nervoso simpatico cardiaco e sulle conseguenze fisiopatologiche della disinnervazione simpatica cardiaca. Inoltre, essa permette sia un controllo glicemico sulla progressione della neuropatia autonomica, sia una valutazione degli effetti della disorganizzazione autonomica sulla regolazione a livello miocardico del flusso sanguigno, della funzione e dell’elettrofisiologia, mostrando importanti potenzialità per la predizione di esiti infausti.

inizio pagina