Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2009 September;34(3) > Minerva Endocrinologica 2009 September;34(3):237-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  IL DIABETE: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Endocrinologica 2009 September;34(3):237-54

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Diabete ed ossa: vantaggi e limitazioni delle tecniche radiologiche, con radionuclide ed ibride nella valutazione del piede diabetico

Gnanasegaran G. 1, Chicklore S. 1, Vijayanathan S. 2, O’Doherty M. J. 1, Fogelman I. 1

1 Department of Nuclear Medicine, Guys & St Thomas’ Hospital NHS Foundation Trust Hospital, London, UK;
2 Department of Radiology, Guys & St Thomas’ Hospital NHS Foundation Trust Hospital, London, UK


PDF  


Una causa comune di morbidità e mortalità nei pazienti diabetici è l’infezione/complicazione al piede spesso responsabile dell’amputazione delle estremità inferiori. Sono disponibili varie tecniche radiologiche e con radionuclide per la valutazione dei pazienti diabetici con intense o lievi infezioni ai tessuti. In ogni caso, ci sono diversi vantaggi e limitazioni. La principale limitazione di tutte queste tecniche è la loro incapacità di distinguere in maniera accurata una osteomielite da una articolazione affetta da neorupatia o malattia di Charcot. Dal punto di vista radiologico, la MRI è la tecnica di punta e la scannerizzazione delle cellule bianche radiomarcate è un utile tecnica di medicina nucleare nella valutazione dei pazienti diabetici con sospetta infezione al piede. In questa rassegna discuteremo l’efficacia delle tecniche radiologiche e con radionuclide nella valutazione dell’infezione del piede diabetico.
Parole chiave: Complicazioni del diabete - Piede diabetico - Tecniche radiologiche - Infezioni dei tessuti molli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

gopinath.gnanasegaran@gstt.nhs.uk