Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3) > Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3):223-36

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  IL DIABETE: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Endocrinologica 2009 Settembre;34(3):223-36

lingua: Inglese

Disfunzione multiorgano nei pazienti diabetici: il ruolo dell’imaging funzionale

Shah S. 1, Win Z. 2,3, Al-Nahhas A. 2

1 Department of Imaging , Imperial College Healthcare NHS Trust Hammersmith Hospital, London, UK;
2 Department of Nuclear Medicine, Imperial College Healthcare NHS Trust Hammersmith Hospital, London, UK;
3 Department of Radiology, Hillingdon Hospital NHS Trust, Middlesex, UK


PDF  


L’imaging funzionale gioca un ruolo centrale nella valutazione di alcuni problemi clinici affrontati dai pazienti diabetici. Nelle patologie cardiovascolari, l’imaging della perfusione miocardica, in particolare quando associata alla SPECT, è un potente strumento non solo per stabilire la diagnosi di malattia coronarica, ma anche per fornire informazioni prognostiche sia riguardo la popolazione generale che diabetica. Sebbene promettente, il suo ruolo nello screening del diabete asintomatico è ancora da stabilire, mentre quello come un punto di riferimento unico o ‘one-stop shop’ necessita di studi più approfonditi. La PET è tuttora il “gold standard” per la valutazione della probabilità di sopravvivenza e fornisce anche dati prognostici, ma l’uso diffuso di questa tecnica è limitato dai costi e dalla disponibilità. Tecniche ibride di imaging con PET/CT sembrano promettenti, e potrebbero rivoluzionare l’imaging cardiaco attraverso la combinazione di informazioni sia anatomiche che funzionali. Nelle indagini sul piede diabetico, l’imaging sui leucociti marcati è il test di prima scelta nella medicina nucleare per la diagnosi delle osteomieliti. È probabile che SPECT/CT miglioreranno ulteriormente l’accuratezza diagnostica, ma sono necessari studi aggiuntivi. L’imaging combinata su leucociti e midollo osseo ha importanza nel distinguere le osteomileliti dall’osteopatia neuropatica nella patologia del piede diabetico; la PET e la PET/CT possono anche essere apprezzate in questi casi, ma un loro impiego più ampio è attualmente inconcludente. Il valore della scintigrafia ossea nella patologia del piede diabetico come test di screening è discutibile. I metodi di imaging funzionale possono essere impiegati nella valutazione di altre complicazioni diabetiche, inclusa la valutazione della funzione ventricolare sinistra, la cicatrizzazione renale e lo svuotamento gastrico, ma questi metodi non sono diffusamente usati nella corrente pratica clinica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

zarni.win@imperial.nhs.uk