Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2009 Giugno;34(2) > Minerva Endocrinoiogica 2009 Giugno;34(2):97-104

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118

 

Minerva Endocrinoiogica 2009 Giugno;34(2):97-104

 ARTICOLI ORIGINALI

L’effetto acuto dell’Orlistat sulle glicotossine della dieta nelle donne sane e diabetiche

Diamanti-Kandarakis E. 1, Piperi C. 2, Alexandraki K. I. 1, Papailiou J. 1, Ekonomou F. 1, Koulouri E. 1, Kandarakis H. 1, Creatsas G. 3

1 Endocrine Section First Department of Medicine Laiko Hospital, Medical School University of Athens, Athens, Greece
2 Laboratory of Biological Chemistry University of Athens Medical School, Athens, Greece
3 Second Department of Obstetrics and Gynecology Aretaieion Hospital University of Athens Medical School, Athens, Greece

Obiettivo. Tra complicazioni del diabete é compresa la formazione dei prodotti finali di glicazione avanzata (AGEs). Gli AGEs esogeni, chiamati glicotossine, sono presenti in particolari cibi e sono assorbiti a livello del tratto gastrointestinale. Dati sperimentali suggeriscono che la loro riduzione nella dieta ha effetti benefici.
Metodi. Sono state arruolate nello studio quattordici donne sane (età 42,14±12,38 anni, indice di massa corporea [BMI]: 27,85±7,06 kg/m2) e 10 donne affette da diabete di tipo 2 (T2DM) (età: 48,70±9,31 anni; BMI: 32,55±7,14 kg/m2). È stato loro offerto del cibo ricco in AGEs secondo una protocollo della durata di due giorni, al giorno 2 sono stati somministrati dopo il pasto 240 mg di Orlistat.
Risultati. Al giorno 1 è comparso un aumento, rispetto i valori basali, dei livelli sierici di AGEs a 3 ore dopo il pasto in entrambi i gruppi (controlli: 12.2%; P<0,001, T2DM: 2,6%; P=0,013), ma a 5 ore tale aumento è comparso solo nei controlli (controlli: 12,2%; P<0,001; T2DM: 1,9%; P=0,075). Al giorno 2 a 3 ore dopo il pasto i soggetti controllo hanno mostrato un aumento del 3,1% (P=0,003) mentre nelle pazienti diabetiche l’aumento si è rivelato pari all’1.9% (P+0,013), a 5 ore invece l’incremento è stato pari al 4,6% (P=0,012) per i controlli e all’1,8% (P=0,009) per le pazienti diabetiche. Il corrispondente aumento si è dimostrato inferiore al giorno 2 solo nei soggetti controllo a 3 e 5 ore dopo il pasto (P=0,003; P=0,05 rispettivamente)
Conclusioni. Orlistat ha ridotto l’assorbimento delle glicotossine in acuto ed ha migliorato il profilo metabolico nei gruppi controllo, senza un apparente beneficio per il gruppo delle pazienti diabetiche. Il significato clinico di questa osservazione dovrebbe essere approfondito nella popolazione normale, mentre potrebbero essere necessari studi a lungo termine su soggetti diabetici per dimostrare un effetto clinicamente rilevante.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina