Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2009 March;34(1) > Minerva Endocrinologica 2009 March;34(1):57-69

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2009 March;34(1):57-69

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il continuo dibattito nella letteratura sull’uso dello iodio-131 per l’ablazione residua della tiroide e delle metastasi

De Klerk J. M. H., Oyen W. J. G.

Department of Nuclear Medicine Meander Medical Center, Amersfoort The Netherlands


PDF  


Il radioiodio svolge un ruolo importante nel trattamento del carcinoma tiroideo. Esso è utilizzato per l’ablazione residua della tiroide e per il trattamento della malattia metastatica. Sebbene esso sia utilizzato universalmente per queste indicazioni, la dose da impiegare è ancora oggetto di discussione. Due metodi sono attualmente disponibili: il cosiddetto metodo empirico ed il metodo densitometrico. Questa revisione esaminerà gli aspetti del trattamento con radioiodio del cancro tiroideo, discutendo i vantaggi e gli svantaggi dei diversi metodi impiegabili per il calcolo della dose da somministrare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail