Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2008 Dicembre;33(4) > Minerva Endocrinologica 2008 Dicembre;33(4):359-79

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2008 Dicembre;33(4):359-79

lingua: Inglese

Diagnosi, trattamento, fattori prognostici e risultati a lungo termine del carcinoma papillifero della tiroide

Pelizzo M. R. 1, Merante Boschin I. 1, Toniato A. 1, Pagetta C. 1, Casal Ide E. 1, Mian C. 2, Rubello D. 3

1 Surgical Pathology, Department of Medical and Surgical Sciences, Istituto Oncologico Veneto (IOV), University of Padua, Padua, Italy
2 Division of Endocrinology, Department of Medical and Surgical Sciences, University of Padua, Padua, Italy
3 Department of Nuclear Medicine, PET Centre, S Maria Misericordia Hospital, Rovigo, Italy


PDF  


Il carcinoma papillifero della tiroide (papillary thyroid carcinoma, PTC) è la neoplasia maligna endocrina più frequente e rappresenta il più comune carcinoma della tiroide (85-95%). Potenziali fattori di rischio per l’insorgenza del PTC sono l’esposizione a radiazioni ionizzanti, il deficit di iodio, un’anamnesi familiare positiva per cancro della tiroide. Il PTC ha solitamente un andamento indolente e la prognosi è favorevole, con una sopravvivenza a 10 anni riportata dalla maggior parte degli autori superiore al 90%. La palpazione e la crescita di noduli tiroidei rappresentano le più frequenti manifestazioni cliniche del PTC, che può essere diagnosticato con l’esame clinico, l’ecografia del collo e l’esame citologico su aspirato con ago sottile (FNAC). Le opzioni terapeutiche del PTC includono il trattamento chirurgico combinato con la terapia con 131I e con la terapia a vita con ormone tiroideo TSH-soppressiva. La radioterapia esterna può essere presa in considerazione in casi selezionati di tumori aggressivi. Nonostante la buona prognosi del PTC, la prevalenza di persistenza o di recidiva di malattia non è trascurabile. Le indagini biomolecolari possono permettere di individuare i sottotipi di PTC più aggressivi. Una sempre maggior accuratezza per quanto riguarda il quadro clinico, ecografico e FNAC della patologia nodulare tiroidea potrà garantire una diagnosi più precoce e un trattamento chirurgico radicale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail