Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2007 June;32(2) > Minerva Endocrinologica 2007 June;32(2):103-13

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2007 June;32(2):103-13

lingua: Inglese

Effetti protettivi e rigenerativi dell’asse GH/IGF-I sul cervello

Isgaard J. 1, Åberg D. 1, Nilsson M. 2

1 Laboratory of Experimental Endocrinology Department of Internal Medicine University of Göteborg, Göteborg, Sweden
2 Center for Brain Repair and Rehabilitation Institute of Neuroscience and Physiology Sahlgrenska Academy University of Göteborg, Göteborg, Sweden


PDF  


Oltre a regolare la crescita somatica ed il metabolismo, vi sono evidenze che l’asse GH/IGF-I sia convolto nella modulazione della crescita, dello sviluppo e della mielinizzazione del cervello. Inoltre, al GH ed in particolare all’IGF-I, sono stati attribuiti effetti neuroprotettivi in diversi modelli sperimentali in vitro ed in vivo. Inoltre, sia il GH che l’IGF-I modulano la cognizione e la biochimica del cervello adulto. Si ritiene che alcuni degli effetti del GH siano mediati dall’IGF-I circolante, mentre altri sarebbero dovuti alla produzione locale di IGF-I a livello cerebrale. È inoltre possibile che il GH possa agire direttamente sul sistema nervoso centrale (SNC) anche senza il coinvolgimento dell’IGF-I locale o circolante. La plasticità del SNC può essere interpretata come una modificazione dei rapporti funzionali tra i principali tipi cellulari (neuroni, astrociti ed oligodendrociti). GH ed IGF-I determinano effetti su tutte queste cellule, con diverse modalità. In aggiunta agli effetti neuroprotettivi di GH ed IGF-I in diversi modelli sperimentali di lesione del SNC, l’IGF-I si è dimostrato capace di aumentare la proliferazione delle cellule progenitrici e di nuovi neuroni, oligodendrociti e vasi ematici nel giro dentato dell’ippocampo. Tuttavia, solo gli oligodendrociti ne sarebbero influenzati nella corteccia cerebrale adulta. L’aumento del fenotipo cellulare endoteliale indotto dall’IGF-I potrebbe inoltre spiegare l’aumento della densità arteriolare osservata dopo trattamento con GH. In questo articolo gli autori discutono i diversi aspetti degli effetti dell’asse GH/IGF-I sul cervello, con una particolare enfasi sulla neuroprotezione, la rigenerazione e la plasticità cerebrale. Inoltre, saranno discusse le recenti evidenze relative agli effetti neuroprotettivi ed agli effetti sulla plasticità sinaptica indotta dai GH-secretagoghi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail