Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2) > Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2):87-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2):87-94

lingua: Inglese

Gli effetti neuroprotettivi degli estrogeni e dei SERM incominciano a livello della membrana plasmatica

Sheldahl L. C., Marriott L. K., Bryant D. N., Shapiro R. A., Dorsa D. M.

Department of Physiology and Pharmacology Oregon Health and Science University Portland, OR, USA


PDF  


Gli estrogeni sono neuroprotettivi in un vasto numero di modelli in vitro e in vivo. Il loro uso nella terapia ormonale sostitutiva si è dimostrato più complesso e richiede una migliore comprensione delle modalità di signaling degli estrogeni nel cervello. Gli estrogeni si legano ai loro recettori nucleari, regolando così la trascrizione genica. Inoltre, essi attivano un certo numero di cascate di segnalazione rapida a partenza dalla membrana plasmatica. È stato dimostrato che queste cascate rapide di signaling svolgono importanti ruoli nel mediare gli effetti neuroprotettivi degli estrogeni. In questa review, viene evidenziato come la comprensione e la modulazione degli effetti di membrana degli estrogeni sono emersi come importanti aree nello sviluppo di nuovi farmaci neuroprotettivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail