Home > Riviste > Minerva Endocrinologica > Fascicoli precedenti > Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2) > Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2):73-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ENDOCRINOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Sistema Endocrino


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,118


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Endocrinologica 2007 Giugno;32(2):73-8

lingua: Inglese

Livelli plasmatici di adrenomedullina, un peptide vasoattivo, nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 con o senza retinopatia

Caliumi C. 1, Balducci S. 1, Petramala L. 1, Cotesta D. 1, Zinnamosca L. 1, Cianci R. 1, Di Donato D. 1, Vingolo E. M. 3, Fallucca F. 1, Letizia C. 1

1 Department of Clinical Sciences University of Rome La Sapienza, Rome, Italy
2 Department of Internal Medicine University of Rome La Sapienza, Rome, Italy
3 Department of Ophthalmologic Sciences University of Rome La Sapienza, Rome, Italy


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato di esaminare se la secrezione dell’adrenomedullina (AM) sia modificata nei pazienti diabetici di tipo 2 con o senza retinopatia.
Metodi. Lo studio è stato condotto in 92 pazienti con diabete mellito di tipo 2, di cui 65 con diabete non complicato, 27 con retinopatia e 40 con ipertensione di grado lieve o moderato. I pazienti con creatininemia >1,2 mg/dl sono stati esclusi dallo studio. I livelli circolanti di AM sono stati dosati con un saggio radioimmunologico specifico.
Risultati. Le concentrazioni di AM sono risultate significativamente più alte nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (25±2,1 pg/ml) che nei 31 soggetti normali (11±0,8 pg/ml) (P<0,001). I pazienti diabetici con retinopatia proliferativa hanno presentato livelli di AM significativamente maggiori (30,8±3,4 pg/ml) sia rispetto ai controlli (P<0,001) che rispetto ai pazienti diabetici senza retinopatia (25,2±2 pg/ml) (P<0,001). Non è emersa alcuna differenza significativa nei livelli di AM rilevati nei pazienti diabetici con retinopatia preproliferativa (27.3±4.7 pg/ml) o proliferativa (24±3,1 pg/ml) (P=0,543). Nei pazienti diabetici, è stata rilevata una correlazione significativa tra i livelli plasmatici di AM e i valori di HbA1c (r=0,467; P<0,01).
Conclusioni. I presenti risultati indicano che l’AM circolante è aumentata nei pazienti diabetici di tipo 2 e che un suo incremento correla con lo scarso controllo del metabolismo glicidico e con la presenza di retinopatia diabetica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail